Focardi presenta il primo tentativo di E-Cat

Lo scorso mercoledì 4 maggio, si e’ tenuto un seminario organizzato dal prof. Adalberto Piazzoli presso il Dipartimento di Fisica Nucleare e Teorica dell’Università di Pavia, dove il prof.  Sergio Focardi ha spiegato le tappe essenziali dello sviluppo dell’E-Catalyzer a partire dal primo esperimento realizzato nel capannone di Bondeno nell’ottobre 2007.

Da quanto riporta INFORMAZIONE LIBERA a questa pagina,  quello che tutti speravano fosse un punto di incontro scientifico per esaminare concretamente un possibile  “ritorno della fusione fredda”, nella realta’ si è rivelato un seminario alquanto deludente perche’ privo di dati, misure, schemi e altri dettagli tecnici che i molti fisici in sala si attendevano. A fine giornata, sollecitato (da qualcuno fin troppo bruscamente) a fornire dettagli tecnici sulla sua ipotesi di spiegazione, il prof. Focardi ha nuovamente ipotizzato un qualche tipo di reazione di fusione protone-nichel e conseguente catena di decadimento del rame, come descritto nel report reso pubblico sul blog di Rossi e nella sua domanda di brevetto.

Realta’ o illusione sulla fusione fredda made in Italy? Difficile dare una risposta ma per ora l’E-Cat rimane solo una affascinante ipotesi.

Lascia un commento...

commenti

Comments are currently closed.