Rossi E-Cat – Fusione Fredda e LENR

Andrea Rossi eCat = Low Energy Nuclear Reaction

Andrea Rossi: i progetti di distribuzione dell’E-Cat, ricordando Sergio Focardi

Chi come noi segue le vicende di Andrea Rossi, sa bene che il 2017 e’ un anno particolarmente in salita per il nostro inventore. Infatti la battaglia legale con la Industrial Heat sta rubando tempo ed energie preziosi a Rossi, che e’ stato persino costretto a far slittare la data di presentazione pubblica del suo E-Cat QuarkX da febbraio a dopo l’estate (ossia quando si chiudera’ il contenzioso, che dovrebbe terminare tra settembre ed ottobre).

E-Cat QuarkX: potra’ essere utilizzato per produrre elettricita’?

Il nostro Andrea Rossi e’ veramente inossidabile, e sembra proprio che non ci sia nulla in grado di affievolire la sua energia ed il suo entusiasmo. Quanti seguono il suo lavoro ormai sanno che negli ultimi tempi la sua attenzione e’ prevalentemente rivolta alla produzione dell’E-Cat QuarkX, che, a detta di Rossi procede a gonfie vele.

Il nostro inventore ed il suo team sono completamente assorbiti dai test su questo nuovo modello di reattore, e quotidianamente Andrea Rossi, dalle pagine del suo blog sul Journal of Nuclear Physics, ci aggiorna sui miglioramenti apportati. Sebbene al momento le sue dichiarazioni non siano supportate da testimonianze dirette, i suoi lettori sono ancora fiduciosi, e rivolgono a Rossi tantissime domande, che ci aiutano a farci un’idea su quest’ultima invenzione di Rossi.

Andrea Rossi: l’E-Cat QuarkX verra’ inizialmente usato per la costruzione di impianti industriali

Avrete certamente notato che, dopo la clamorosa notizia giunta questa estate riguardante la rottura con la Industrial Heat, non ci sono piu’ arrivate da parte di Andrea Rossi dichiarazioni particolarmente rilevanti riguardanti il suo lavoro. Sebbene il nostro inventore ci aggiorni quasi quotidianamente tramite il suo blog sul Journal of Nuclear Physics sull’andamento della produzione dell’E-Cat QuarkX (che sembra stia procedendo per il meglio), come dicevamo, recentemente nessuna novita’ fondamentale ci e’ stata comunicata. E soprattutto non abbiamo altre testimonianze oltre quelle forniteci da Andrea Rossi stesso che attestino i progressi del suo lavoro.

E-Cat QuarkX: quale direzione sta prendendo la produzione?

La sperimentazione dell’ultimo prodotto di Andrea Rossi, l’E-Cat QuarkX, procede a pieno ritmo, e niente sembra fermare il nostro inventore, nemmeno l’uragano che in queste ore sta per toccare la Florida. Sembra inoltre che la produzione dell’E-Cat QuarkX stia veramente entusiasmando Rossi, che e’ particolarmente incline a rispondere ai suoi lettori dalle pagine del Journal of Nuclear Physics. Dunque: cosa sappiamo finora di questo reattore?

LENR: Francesco Piantelli ha ottenuto il brevetto dall’European Patent Office

Un altro punto a favore della ricerca sulle LENR. La fine dell’estate sembra proprio portare buone notizie. Infatti, dopo il brevetto accordato ad Andrea Rossi negli USA per il suo E-Cat, ora finalmente anche il metodo creato da Francesco Piantelli ottiene il brevetto dall’European Patent Office. Il documento intero, dal titolo “Method and Apparatus for Generating Energy by Nuclear Reactions of Hydrogen Adsobred by Orbital Capture on a Nanocrystalline Structure of a Metal” puo’ essere scaricato da qui: https://register.epo.org/application?number=EP12728780&lng=en&tab=main .

27 Gennaio 2015: al VNIIAES di Mosca Parkhomov presenta le LENR

Dopo l’interessante  Conferenza organizzata da LENR-Cities tenutasi ad Oxford il 10 e l’11 gennaio scorsi, intitolata “Low Energy Nanoscale Reactions & Applications”, il ciclo di Conferenze sulle LENR e la Cold Fusion prosegue questo mese con un altro promettente seminario organizzato da Alexander Parkhomov.
L’incontro si intitola “The study of low-energy nuclear reactions – a new direction in science.” e si terra’ il 27 gennaio alle 14 presso il VNIIAES (istituto russo che si occupa di energia nucleare).
Per quelli a cui fosse sfuggita la notizia, il Professor Parkhomov (fisico russo presso la Moscow State University) e’ il ricercatore che gia’ una volta ha replicato l’Hot-Cat di Rossi basandosi sul Lugano Report.
Il tema della sua presentazione sara’ “The study of high-temperature heat source analogue of Russia”.
Altro relatore sara’ SN Andreev dell’Institute of General Physics, col suo talk “The study of low-energy nuclear reactions – a new direction in science.”
La replica dell’Hot Cat da parte di Alexander Parkhomov ha riscosso molto interesse, e anche Michael McKubre, Direttore dell’Energy Research Center of the Materials Research Laboratory presso lo SRI International a Stanford, Calfornia ha appena pubblicato sulla rivista Infinite Energy un articolo in cui ne parla.
Nel suo articolo McKubre, pur notando alcune lacune nell’esperimento di Parkhomov, ne sottolinea l’importanza affermando che valga la pena che Parkhomov o altri si dedichino ad altre repliche del dispositivo.
Persino Andrea Rossi, dal suo blog sul Journal of Nuclear Physics, sostiene che quanto fatto in Russia sia interessante e che, se confermato, ha un grande merito.
Torna intanto alla ribalta il nome di Francesco Piantelli. Dalla pagina Facebook del Martin Fleishmann Memorial Project veniamo infatti a sapere che nell’ambito del Project Fedora e’ stata avviata una collaborazione col ricercatore italiano, fondatore della Nichenergy (creata appositamente per commercializzare la tecnologia LENR creata da Piantelli).
Vi terremo certamente aggiornati anche su questo fronte.

E-Cat: nuova intervista ad Andrea Rossi


Il 12 dicembre scorso Salvo Mandara’, reporter freelance, ha condotto sul suo canale web Salvo5puntozero.tv una video intervista, la cui registrazione e’ oggi disponibile sul sito, piuttosto lunga (circa 50 minuti) con Andrea Rossi.
Il nostro inventore era collegato via Skype da Miami, e nel corso della chiacchierata ha spiegato ancora una volta in cosa consiste il suo reattore, l’E-Cat.
Molte e di vario genere son state le domande: dai materiali usati per ‘sostentare’ l’E-Cat, al funzionamento in modalita’ di autosostentamento.
Ancora una volta Rossi ha ribadito l’economicita’ del suo prodotto, nonche’ l’essenzialita’ di alcuni componenti di base quali il nickel, il litio e l’idrogeno.
Arrivati alla domanda riguardante la produzione industriale dell’E-Cat, Rossi ha risposto che, da un certo punto di vista, secondo lui e’ gia’ iniziata, sostenendo che entro un anno (in cui si lavorera’ con molta attenzione all’impianto da 1MW che si sta approntando per il cliente dell’Industrial Heat) si dovrebbero vedere e poter analizzare i risultati del lavoro sul lungo periodo del macchinario prodotto.
E, passato questo anno, dice Rossi, dovrebbe essere possibile anche poter procedere alla produzione di massa dei reattori.
Per chi fosse interessato, l’intervista e’ stata anche tradotta e sintetizzata in inglese da Vessela Nikolova, che l’ha pubblicata sul sito “The New Fire”.

E-Cat: finalmente pubblicato il nuovo report!

Finalmente, dopo mesi di attesa, vede la luce il secondo report che terze parti indipendenti hanno redatto sull’E-Cat.
E per rispettare la tradizione, anche questo avvenimento, come ogni altro nella carriera di Andrea Rossi, ha dato luogo ad un colpo di scena.
Dopo aver atteso per settimane di conoscere il nome della rivista peer reviewed che lo avrebbe reso di pubblico dominio, alla fine alla sua prima pubblicazione ha provveduto un sito svedese (sembra che sia stata una vera e propria fuga di notizie).
Il sito in questione e’  www.sifferkoll.se, e ha inserito la relazione in un post il cui titolo e’ gia’ tutto un programma: “arXiv.org censuring the 2nd ITPR of Rossis E-cat” (la censura di arXiv.org sul secondo indipendent third party report sull’E-Cat di Rossi). Infatti, secondo il sito svedese, sembra che la rivista arXiv.org stia prolungando per motivi imprecisati l’attesa della pubblicazione di questo secondo test che terze parti indipendenti hanno svolto sull’E-Cat, e cio’ secondo loro puo’ essere interpretato solo come censura.
Il report mostra un innegabile COP 3,2-3,6 nel corso di 32 giorni di misura e modifiche isotopiche sostanziali in Nichel e Litio.
Per questo motivo il sito Sifferkoll.se ha quindi deciso di pubblicarlo e renderlo scaricabile da questo link:
http://www.sifferkoll.se/sifferkoll/wp-content/uploads/2014/10/LuganoReportSubmit.pdf
Questa nuova relazione, composta da 53 pagine, e’ stata redatta dagli stessi Professori che si sono occupati della predisposizione del primo report apparso nel maggio del 2013. Unico assente Torbjörn Hartman.
Ecco dunque i nomi di questo ormai famosissimo Indipendent Third Party:
Giuseppe Levi (Università di Bologna)
Evelyn Foschi (Bologna)
Bo Höistad (UppsalaUniversity)
Roland Pettersson (UppsalaUniversity)
Lars Tegnér (UppsalaUniversity)
Hanno Essén (Royal Institute of Technology di Stoccolma).
Interessante anche il nuovo aspetto del reattore (v. foto).
Andrea Rossi non ha al momento rilasciato dichiarazioni in merito a quanto e’ successo, ma dalle pagine del suo blog sul Journal of Nuclear Physics si e’ limitato a fornire il link per accedere al report.
Ora teniamoci forte, e prepariamoci a tutto il trambusto che solitamente accompagna le vicende legate all’E-Cat.

L’E-Cat sbarca in Cina?

Quando si diffuse la notizia della partnership tra Andrea Rossi e la Industrial Heat, subito emersero voci sull’interesse della Societa’ americana verso la Cina.
Queste voci oggi sembrano confermate dalla presenza di Tom Darden (CEO della Cherokee Investment Partners e Presidente della Industrial Heat, LLC) alla cerimonia di inaugurazione del Nickel-Hydrogen Research Center nel Tianjin Huayuan Industrial Park a Tianjin, in Cina.
La cerimonia per la precisione si e’ tenuta il 16 aprile scorso, e a dire il vero non e’ trapelato molto.
Le notizie che abbiamo raccolto le dobbiamo principalmente ad alcune segnalazioni arrivate ad E-Cat World da parte di Julian Becker (che ha trovato la notizia sul sito cinese Icebank) e AlainCo (che ha trovato tracce dell’evento su xinhuanet.com).
Altri partecipanti alla cerimonia sarebbero stati il Dr Zhao Gang (ricercatore presso l’Academy of Science and Technology Development), Daisi Jia (presidente della High Energy Investment Group), e come rappresentanza USA,  Travis Allen e JD Jeff Leader.
La creazione di questo nuovo centro in Cina dedito alle reazioni nickel-idrogeno avrebbe motivazioni sia ambientali che economiche.
Gli articoli trovati (la cui traduzione cinese/inglese e’ stata fatta con Google) parlano dell’importanza fondamentale di una cooperazione tra USA e Cina. Viene infatti sottolineata l’esperienza nel campo energetico del team di Tom Darden e, punto saliente che sembra confermare lo “sbarco” in Cina dell’E-Cat, ci si augura una proficua collaborazione tra le parti.
A questo punto in molti si domandano se Darden abbia gia’ in mano dei risultati concreti dei test sull’E-Cat in corso presso la Industrial Heat, oppure se faccia ancora affidamento sul report pubblicato l’anno scorso. Ovviamente Andrea Rossi, che appare sempre piu’ di rado sul suo blog sul Journal of Physics, non ha dato alcun contributo all’approfondimento di questa notizia.
Non ci resta che attendere eventuali comunicati stampa da parte della stessa Industrial Heat.

LENR: dichiarazione della Elforsk e pubblicazione di Defkalion

Settimana scorsa avevamo avuto conferma dell’interesse della Elforsk, colosso svedese operante nel campo della ricerca energetica, verso l’E-Cat.  Interesse dimostrato apertamente anche grazie ad un articolo pubblicato sulla rivista dell’azienda (Elforsk Perspektiv) quasi interamente dedicato ad Andrea Rossi e alla sua invenzione, oltre che tramite la sponsorizzazione del test svolto sull’E-Cat da terzi indipendenti.

In queste ultime ore la Elforsk e’ stata sollecitata da Frank Acland di E-Catworld a fornire se possibile informazioni riguardanti i nuovi test in corso sull’E-Cat, e il livello di interesse della compagnia svedese.