Andrea Rossi: La Leonardo Corporation assumera’ altro personale

Frank Acland di E-Cat World ha pubblicato il riassunto dell’ultima conversazione che ha avuto telefonicamente con Andrea Rossi.

Durante la telefonata son stati trattati alcuni dei temi salienti che riguardano il futuro dell’E-Cat.

Prima di tutto Rossi conferma di essere a capo della Leonardo Corporation anche dopo l’entrata dei nuovi investitori (che al momento non desiderano essere pubblicizzati).  Prosegue poi affermando che ora l’azienda dispone dei fondi necessari per portare avanti i propri progetti. Una fabbrica e’ gia’ in costruzione negli Stati Uniti (ovviamente, localita’ segreta) e altre, sempre negli USA, ne seguiranno.  L’Ingegnere svela inoltre che attualmente il personale con cui lavora e’ composto da 50 collaboratori e che, una volta ultimato lo stabilimento, la Leonardo Corporation assumera’ piu’ di 50 persone.

Menzionando l’impianto da 1MW, Rossi dice di esserne molto soddisfatto e afferma che a breve (lui parla di due settimane) comincera’ ad essere consegnato. Acland a questo punto prova senza successo a farsi dire dove avverranno le consegne, ma Rossi preferisce non dare indizi su chi siano i destinatari. Il costo di un impianto da 1MW e’ attualmente di 1.5 milioni di dollari.

A questo punto Rossi svela lo notizia ‘bomba’, ossia una possibile collaborazione con la Siemens AG. Sembra infatti che il gigante tedesco abbia fatto visita alla sua fabbrica di Bologna e gli abbia aperto nuove prospettive riguardanti la produzione di energia elettrica dall’E-Cat.

E non potevano mancare cenni all’E-Cat ad uso domestico. Rossi spera ancora di riuscire ad iniziarne la vendita questo inverno, ma considera l’eventualita’ di dover rimandare di altri 16-18 mesi.  In autunno inoltre dovrebbero giungerci le prime immagini dell’E-Cat, a cui Rossi ha voluto dare una certa linea estetica. Ogni unita’ dovrebbe costare tra i 600 e i 900 dollari, prezzo che secondo Rossi scoraggera’ ogni possibile concorrente.

Il discorso a questo punto tocca l’argomento certificazioni e brevetti, che sono attualmente in sospeso e richiederanno ancora diverso tempo per essere ottenuti.

A conclusione dell’intervista Andrea Rossi parla dei suoi intensissimi ritmi lavorativi (fino a 16 ore al giorno), ringraziando Dio di godere di buona salute per poterli sostenere.

Questi sono gli argomenti principali trattati durante la conversazione sostenuta col consueto ‘Rossi’s style’: ovvero molte dichiarazioni e altrettanti segreti.

 

 

Lascia un commento...

commenti

Comments are currently closed.