Andrea Rossi: stiamo creando nuovi posti di lavoro

Andrea Rossi ama mandare messaggi positivi ed incoraggianti. Che sia parte del suo carattere o una ‘strategia’  di marketing non lo sappiamo, ma da sempre attraverso il suo blog sul Journal of Nuclear Physics non perde occasione per trasmetterci fiducia nel suo lavoro e nel futuro delle LENR.

E oggi non si smentisce e, rispondendo ad un lettore, afferma che sta creando posti di lavoro.

Per la precisione le domande rivoltegli nel post erano tre, e riguardavano:

1. novita’ riguardanti la richiesta di brevetto;

2. aggiornamenti riguardanti l’entrata in funzione dell’impianto da 1MW (Rossi aveva recentemente dichiarato che in febbraio un impianto sarebbe entrato in funzione);

3. notizie sui test interni con richiesta di foto e dati recenti.

A conclusione del post, questo lettore chiede a Rossi di fare del 2013 l’anno delle LENR”, molta gente senza lavoro sta lottando per delle opportunita’ innovative.

Al contempo precisa ma senza nessuna indicazione concreta e’ arrivata la risposta di Rossi:

1. gli avvocati stanno lavorando alla richiesta di brevetto;

2. i tempi dell’entrata in funzione dell’impianto da 1MW sono rispettati perche’ aveva parlato di febbraio-marzo;

3.  si e’ in attesa della pubblicazione dei test svolti da terzi, inutile pubblicare altro prima.

E per concludere: Yes, we are making jobs.

Che sia vero o meno quanto afferma Andrea Rossi non abbiamo ancora modo di verificarlo, ma pensiamo che sia piuttosto probabile che la Leonardo Corporation abbia assunto del personale per portare avanti il progetto E-Cat.

E andando oltre tutti i dibattiti che emergono sempre quando si parla di Rossi, pensiamo che le LENR, come qualsiasi altra energia alternativa, possano veramente sia creare dei nuovi posti di lavoro, sia reinserire nel mondo lavorativo molte persone rimaste senza un impiego.

La ricerca e la produzione energetica richiedono una quantita’ enorme di personale, sia specializzato (ricercatori, ingegneri ecc.) che non (operai, impiegati ecc.)

 

Lascia un commento...

commenti

Comments are currently closed.