E-Cat: cosa dovra’ fare chi l’acquista

Questo fine settimana probabilmente Andrea Rossi sara’ stato piu’ indaffarato del solito ad evadere le numerose domande che i suoi lettori gli pongono sul blog del Journal of Nuclear Physics.

Infatti il quesito posto da Frank Acland, e la successiva risposta di Rossi, ha prodotto molti commenti e richieste di chiarimenti.

Acland, di E-Cat World, chiedeva maggiori delucidazioni su quanto dichiarato da Rossi in una recente intervista rilasciata a Free Energy Systems in cui l’ingegnere spiegava che la ricarica delle cartucce dell’E-Cat ad uso domestico probabilmente dovra’ essere fatta da un tecnico del fornitore autorizzato.  Cio’ differisce da quanto detto in passato, ossia che l’utente stesso sarebbe stato in grado di sostituire le cartucce di combustibile contenute all’interno del catalizzatore.

Rossi, confermando quanto aveva dichiarato precedentemente, risponde che questa e’ una richiesta specifica postagli dal ‘certificator‘ nell’ambito della procedura per ottenere la certificazione del prodotto. Sembra ipotizzabile che questo cambiamento sia dettato da esigenze di sicurezza. Ma in ogni caso, com’e’ facilmente intuibile, la richiesta potrebbe influire sul prezzo dell’E-Cat domestico, dovendo in questo modo aggiungere dei costi per l’assistenza. E si potrebbe anche ipotizzare qualche disagio iniziale per l’acquirente.

Rossi sembra inoltre talmente assorbito dai suoi esperimenti da essere assente ai principali eventi organizzati in diversi paesi del mondo, assenza notata da molti e che rischia di giocare a suo sfavore, alimentando i dubbi sulla sua invenzione.

Ultimo in ordine di tempo e’ stato l’International Low Energy Nuclear Reactions Symposium (ILENRS-12), tenutosi in Virginia dal 1 al 3 luglio.  Questa Conferenza molto interessante ha visto la partecipazione tra gli altri di personalita’ quali Jed Rothwell, Peter Hagelstein e Rob Duncan, e anche se non ha aggiunto novita’ alle attuali conoscenze sulle LENR, e’ stata molto stimolante per gli addetti ai lavori.

 

 

 

 

Lascia un commento...

commenti

Comments are currently closed.