E-Cat – Cosa succedera’ dal 30 novembre?

Grandi novità nella battaglia tra Andrea Rossi e Defkalion. In questa lotta senza esclusione di colpi pare che la greca Defkalion stia per assestare un brutto colpo alla Leonardo Corporation di Rossi.

Sembra confermato che domani 30 novembre la Defkalion rilascera’ un comunicato ufficiale riguardante la produzione dell’Hyperion.

In merito e’ uscito su NY Teknik un articolo molto interessante di Mats Lewan. In questo pezzo Lewan analizza le contraddittorie dichiarazioni rilasciate nel tempo dalla Defkalion.

Ad esempio, la societa’ greca si e’ sempre fatta vanto di avere un prodotto diverso e nettamente migliore di quello implementato da Andrea Rossi.  Buffo considerato che il 5 agosto 2011 il CEO della Defkalion in persona, Alexandros Hanthoulis, durante un’intervista telefonica con NY Teknik aveva ammesso di essere in possesso del segreto del funzionamento dell’E-Cat di Andrea Rossi … Alle domande di Lewan viene risposto che da agosto (ossia da quando il contratto con Andrea Rossi e’ stato sciolto) le cose sono enormemente cambiate ed evolute.

Comunque sia la Defkalion ribadisce fermamente anche attraverso il proprio sito che il loro Hyperion e’ un prodotto totalmente diverso dall’E-Cat, non lo stesso congegno a cui e’ stato dato un nome differente.  La ditta greca afferma inoltre di aver capito quali sono gli errori presenti nell’E-Cat di Rossi.

E l’Ingegner Rossi come reagisce a queste esternazioni? Incalzato dalle domande di NY Teknik si limita a dire che non vuole avere piu’ nulla a che fare con la Defkalion, e che qualsiasi ulteriore azione sulla questione e’ affidata ai suoi avvocati.

Da domani, forse, avremo modo di constatare la veridicita’ delle dichiarazioni della Defkalion.

 

Lascia un commento...

commenti

One Comments to “E-Cat – Cosa succedera’ dal 30 novembre?”

  1. Eugenio Gerosa says:

    Salve sig. Rossi ho fatto una ricerca su come si catalizza una reazione di fusione fredda, ed ho apprezzato che sostituendo ad un elettrone un muone si riduce lo spazio fra i nuclei dell’idrogeno molecolare avvicinando di fatto gli atomi della molecola 2H.
    Se posso ipotizzare, questo passaggio anticipato da una produzione di idogeno atomico potrebbero essere catalizzatori molto forti alla fusione.
    Grazie Eugenio