Francesco Celani candidato ufficialmente al Nobel per la Pace

Grandi celebrazioni in Italia per Francesco Celani e per il Martin Fleischmann Memorial Project, che con grande costanza e determinazione stanno portando avanti la ricerca sulle LENR, nel tentativo di trovare definitivamente una fonte innovativa per la produzione di energia pulita e possibilmente economica.
Innovativo e’ anche il metodo con cui questo speciale gruppo di lavoro sta conducendo la ricerca.
Celani e i suoi colleghi del MFMP stanno infatti adottando una metodologia definita ‘Live Open Science’, ovvero scienza aperta, senza misteri.
In cosa consiste dunque? Gli esperimenti che i ricercatori di questo team (europei e americani) conducono, sono messi in rete in tempo reale, rendendo possibile a chiunque di vederli e fornire opinioni, suggerimenti e, perche’ no, critiche.
Quindi, dall’Italia e’ partito uno dei primi importanti riconoscimenti all’attivita’ di questi ricercatori.
Sabato 28 giugno ad Assisi, nel corso di un evento organizzato da Claudio Pace presso la sala del Comune, il Professor Francesco Bindella ha annunciato ufficialmente la candidatura al Premio Nobel per la Pace 2014 del gruppo di lavoro del Martin Fleischmann Memorial Project e di Francesco Celani.
Mentre facciamo i nostri migliori auguri a Celani e ai suoi colleghi del MFMP, nessun annuncio arriva invece in merito alla pubblicazione del report che terze parti indipendenti stanno redigendo sull’E-Cat.
Negli ultimi post pubblicati sul Journal of Nuclear Physycs, Andrea Rossi afferma che la pubblicazione di un articolo su una rivista scientifica peer reviewed richiede in media sei mesi, e che i professori coinvolti in questi ultimi esperimenti vogliono evitare gli errori e i passi falsi commessi con la pubblicazione del report del 2013. Non e’ solo questione di pazienza, afferma Rossi, ma anche di rispetto per un lavoro scientifico serio.
Si rafforza dunque l’ipotesi di una pubblicazione autunnale?

Lascia un commento...

commenti

Comments are currently closed.