Svelato il nome dell’acquirente dell’E-Cat?

Se il 2013 si e’ concluso senza nessuna novita’ rilevante da parte di Andrea Rossi, il 2014 si e’ aperto immediatamente con una notizia che attendevamo da tempo.

La notizia tanto bramata, in attesa di conferma da parte dei diretti interessati, riguarda la rivelazione del nome dell’investitore che ha acquisito l’E-Cat e la Leonardo Corporation.

Se quanto scritto da Rick Allen su E-Cat World verra’ confermato, l’acquirente e’ la Cherokee Investment Partners LLC, azienda con sede a Raleigh, nel North Carolina.  Secondo Allen la Cherokee avrebbe: creato la Industrial Heat LLC (dotandola di un fondo di circa undici milioni di dollari), acquisito i diritti sulla tecnologia E-Cat, e avrebbe assegnato a Rossi la carica di Chief Scientist.

Sebbene l’azienda non abbia mai nominato apertamente ne’ Rossi, ne’ l’E-Cat, sono invece ufficiali gli investimenti fatti nel campo delle energie rinnovabili.

Sono notori inoltre i contatti che la Cherokee ha con la Cina, contatti che potrebbero aprire il mercato cinese all’E-Cat.

Pare dunque che Rossi abbia veramente trovato l’Eldorado, ma non dimentichiamo che nessun annuncio ufficiale e’ seguito a queste ipotesi.

Persino sul blog di Rossi sul Journal of Nuclear Physics al momento non c’e’ traccia di dichiarazioni in merito.

Invece sul sito della Prometeon Srl (licenziataria italiana dell’E-Cat) un celato riferimento a queste evoluzioni organizzative dell’impresa di Rossi compare.

Nel messaggio di auguri per l’anno nuovo l’azienda sottolinea come la ricerca sulle LENR stia prendendo piede quasi ovunque nel mondo, mentre in Italia la situazione rimane critica.

Queste le testuali parole usate da Prometeon:

Tra i Paesi che si stanno schierando in prima fila nel beneficiare di questa rivoluzione troviamo, un po’ a sorpresa, realtà come la Cina e la Corea le quali, non avendo quelle lobby influenti che in Occidente frenano ogni seria alterazione dello status quo in campo energetico, saranno doppiamente avvantaggiate dall’adottare per prime o quasi una tecnologia come quella dell’E-Cat. L’Italia, già in ginocchio per una crisi che appare sempre più come l’inizio di un lungo declino, ha perso un’occasione unica lasciando che l’invenzione di Rossi varcasse l’Oceano, e questo errore di valutazione potrebbe venir pagato molto caro.

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento...

commenti

Comments are currently closed.