Andrea Rossi: ho piena fiducia nel sistema giudiziario americano e la nostra strategia non cambiera’

L’accesa battaglia legale contro la Industrial Heat sta mettendo a dura prova Andrea Rossi ed il suo team. Infatti il contenzioso sta richiedendo la produzione di una mole impressionante di documenti, togliendo ad Andrea Rossi del tempo prezioso da dedicare alla messa a punto del suo ultimo reattore, l’E-Cat QuarkX.

Come sappiamo Rossi avrebbe voluto presentarlo pubblicamente gia’ in febbraio, purtroppo pero’, soprattutto a causa dei correnti problemi legali, l’evento e’ rimandato,  e quasi sicuramente si concretizzera’ dopo l’estate. Ossia a causa conclusa. Negli ultimi giorni sia Rossi che i suoi avversari hano depositato ulteriore documentazione a sostegno delle proprie tesi. Tra le prove presentate da Rossi c’e un Final Report che tra le altre cose fornisce un rapporto giornaliero del COP prodotto dall’impianto E-Cat.

Oltre a cio’ Rossi ed il suo team hanno prodotto anche una ‘Billing History’ che dettaglia la quantita’ di elettricita’ usata mensilmente. Grazie ad E-Cat World potete trovare questi documenti collegandovi a questo link: http://www.e-catworld.com/wp-content/uploads/2017/01/128-01-Exhibit-1.pdf .

Dal canto suo la Industrial Heat di Tom Darden non resta con le mani in mano e a sua volta produce documenti atti a dimostrare che i dati forniti da Fabiani e Rossi sono falsi.

Come dicevamo, per Rossi dover affrontare quest’ennesima causa si sta rivelando particolarmente pesante, e anche la sua credibilita’ rischia di uscirne seriamente compromessa. Ma Rossi e’ tenace, e nonostante tutti questi problemi da risolvere continua per la sua strada, e dalle pagine del suo blog sul Journal of Nuclear Physics tranquillizza i suoi lettori sostenendo di aver piena fiducia nel sistema giudiziario americano e che non intende cambiare strategia. Lui ed il suo team svilupperanno la produzione del reattore negli USA ed in Svezia.

Lascia un commento...

commenti

Comments are currently closed.