Cosa succederebbe all’E-Cat in caso di black out?

La convalescenza successiva all’operazione d’ernia subita recentemente, non ha impedito ad Andrea Rossi di continuare col suo lavoro e di continuare ad aggiornare quotidianamente il suo blog sul Journal of Nuclear Physics. Le persone che seguono le vicende del nostro inventore sono veramente tante, e la corrispondenza tra lui ed i suoi lettori e’ piuttosto fitta ed intrigante.

Tra i diversi messaggi che recentemente sono giunti a Rossi, oggi ci sembra particolarmente interessante quello contenente il quesito posto da un lettore che si firma Larry. Larry dunque chiede ad Andrea Rossi cosa succederebbe all’E-Cat in caso si verificasse un calo di corrente, presupponendo che sia comunque stato previsto un piano di backup.

Rossi conferma che questa malaugurata circostanza e’ stata prevista (anche se nella sua risposta non fornisce dettagli su come verrebbe affrontata) e aggiunge che in ogni caso l’impianto (quello da 1MW, predisposto per un cliente della Industrial Heat) e’ situato in un’importante area industriale e che quindi il fornitore di energia ha organizzato una rete di distribuzione elettrica ben differenziata, in grado di superare i problemi in caso di black out. A riprova di cio’, Rossi aggiunge che un tale evento al momento non si e’ verificato verificato.

Lascia un commento...

commenti

Comments are currently closed.